Forex, sandwich, polionda: differenze di stampa su supporti rigidi

AziendeCommenti disabilitati su Forex, sandwich, polionda: differenze di stampa su supporti rigidi

In quest’articolo andremo a vedere le varie differenze di stampa su supporti rigidi quali forex, sandwich e polionda.

Il forex è un materiale plastico leggero, è resistente e soprattutto è facile da lavorare. Si tratta di un supporto rigido in PVC espanso, a struttura piena il cui spessore varia dai 3mm ai 10 mm. L’altro aspetto interessante è che vanta un ottimo rapporto qualità-prezzo. Si utilizza per la stampa su forex dei pannelli, quando si realizzano campagne pubblicitarie, ed è ideale per ogni tipologia di comunicazione riguardante concerti, mostre, fiere, convegni, raduni, ecc. Il suo utilizzo può essere sia interno che esterno.  Grazie alla sua struttura molecolare in pvc che rende il pannello omogeneo e di colore bianco, risulta facilmente stampabile, inoltre resiste ad agenti atmosferici e all’usura, sopporta bene il taglio o la fresatura, anche  l’applicazione di viti, gancetti o colla.

Il pannello sandwich o piuma, viene utilizzato, per le sue caratteristiche, per allestire ambienti interni. Il pannello è formato da una schiuma rigida di poliuretano espanso bianco racchiusa da due lamine di pvc bianco che rappresentano le superfici di stampa, entrambe stampabili (mono- o bifacciale). Tecnologicamente si crea  un pannello di notevole rigidità e stabilità dimensionale, leggero come una “piuma”. Presenta ottime caratteristiche di isolamento termico e acustico, ottima capacità di smorzamento delle vibrazioni e resistenza agli urti. Rispetto, ad esempio, al forex, ha un costo maggiore, e viene utilizzato perlopiù per la decorazione di interni per la casa e per l’ufficio, ingrandimenti foto per uso personale, per esposizioni, per mostre fotografiche e per qualsiasi applicazione non sottoposta ad agenti atmosferici e usura meccanica. Ottimo quindi per allestire stand fieristici oppure vetrine,cartellonistica, espositori e display di grande formato. Dal momento che può essere stampato su entrambi i lati, offre la possibilità, nel grande formato, di ottenere anche divisori di ambienti. Viene utilizzato anche nelle strutture lavorative open space, sia per separare, sia per decorare l’ambiente in maniera personalizzata. 

Il pannello di polionda ha una forte resistenza all’abrasione, una bassa densità e un elevato carico di rottura. E’ leggero ed anche economico, ed è un efficace supporto per la comunicazione pubblicitaria. Sia adatta perfettamente sia agli ambienti esterni che interni, e si lavora con estrema facilità.  La stampa su pannelli polionda si può tagliare, forare, curvare e piegare, inoltre il pannello può essere fissato con graffatrici, chiodi, viti e non richiede pre forature. La stampa polionda si adatta  per molteplici utilizzi: cartellonistica, fiere e manifestazioni sportive ma è anche  molto utilizzata nell’ambito dell’edilizia per la cartellonistica di cantieri, zone di lavoro e movimentazione; molto utilizza per tutte le applicazioni che richiedono leggerezza e grande resistenza soprattutto in presenza di escursioni termiche.

Forex, sandwich, polionda: quale scegliere?

E’ possibile optare per la stampa su forex per: creare pannelli fotografici, insegne a muro, plastici, arredo d’interni, applicazioni che comportano usura meccanica, ecc… Si preferisce invece la stampa su plexiglass per: elementi decorativi di grande impatto, necessità di ottenere un colore molto brillante, espositori, modelli tridimensionali, ecc… e  la stampa su polionda quando la priorità non è avere un  supporto durevole negli anni, ma la necessità è quella di ottenere un materiale leggero, senza particolare interesse per la finitura della stampa. Viene utilizzato per creare cartellonistica da cantiere, elementi stradali, cartelline da disegno, pannelli a parete, espositori.

© 2015 Consorzio Universitario del Friuli