Sinistri stradali: come è cambiata la regolamentazione negli ultimi anni

Le strade sono sempre più trafficate da auto, taxi, autobus, biciclette e pedoni e i sinistri stradali, in ragione di ciò, sempre più in aumento.

Da quando poi è comparsa la pandemia di Covid19 molte persone cercano di evitare di fare uso dei trasporti pubblici e preferiscono utilizzare l’auto propria.

Molte famiglie sono in giro in bicicletta e le auto elettriche continuano a guadagnare popolarità. Silenziose, come sono, non si sentono arrivare affatto e le nostre strade vanno diventando sempre più luoghi pericolosi. Urge dunque una maggiore sensibilizzazione dei conducenti delle auto. 

Leggi tutto “Sinistri stradali: come è cambiata la regolamentazione negli ultimi anni”

Web e sicurezza: rischi e sfide per le aziende

Proteggersi dalle minacce informatiche può, a volte, risultare difficile, soprattutto per i siti internet e gli spazi web di realtà medio-piccole, che spesso non hanno a disposizione gli strumenti e le risorse economiche in grado di rispondere a tutte le potenziali insidie. Come fare, quindi, a ottenere un grado ragionevole di sicurezza, per non dover rinunciare a una platea sterminata di utenti, potenziali clienti e visibilità che il mondo virtuale può concedere al giorno d’oggi?

Il tema della sicurezza sul web, per lungo tempo, è sembrato riguardare solamente i colossi del settore, risparmiando invece i piccoli operatori, che fossero negozi o aziende.

Purtroppo non sono solo le grandi aziende che gestiscono milioni di account, come quelle del mondo del gaming, a dover investire nella sicurezza del proprio sito web. Anche chi gestisce una piccola piattaforma potrebbe subire un attacco informatico.

PERCHÉ SUCCEDE – La prima riflessione importante da fare, al riguardo, è proprio questo: gli attacchi informatici sono continui, costanti e riguardano tutti. Le motivazioni possono essere varie. Si va dalle motivazioni più classiche, ossia relative all’estorcere dei soldi per recuperare dati personali, informazioni su prodotti e processi. Nel caso sia attiva una sezione di e-commerce, al tentativo di truffe, magari per deviare flussi di denaro verso destinazioni differenti da quelle ufficiali. I danni sono molteplici: non solo quelli di carattere economico, ma anche in termini di affidabilità, di fiducia e di credibilità. Tre aspetti, soprattutto sul web, sempre più fondamentali per l’immagine di un’azienda.

IL PERICOLO DEFACEMENT – Altri attacchi possono invece riguardare l’architettura informatica e infrastrutturale del sito internet o dei vari profili social. In questo caso non ci sono danni dal punto di vista economico, ma i problemi non mancano. I motori di ricerca come Google, attraverso la propria attività costante di monitoraggio e indicizzazione, tendono a penalizzare quei siti web che presentano pagine non raggiungibili oppure che non riescono a caricarsi in tempi relativamente rapidi. Il defacement di un sito (ossia la non raggiungibilità del dominio una volta digitato l’indirizzo) rappresenta la situazione peggiore, perché la fiducia dell’utente di fronte alla mancata risposta in tempi rapidi può portarlo, in pochi secondi, verso un’azienda concorrente. Analogo problema può accadere in caso di un attacco Ddos (acronimo inglese per Distributed Denial Of Service, ossia, fuori servizio), dove a fronte di un’ondata di richieste d’accesso al sito internet, che implode su se stesso rendendo impossibile l’accesso.

Che fare di fronte a una situazione di questo genere? La prima cosa è non farsi prendere dal panico. Affidarsi a dei professionisti del settore, al pari di quanto oggi già accade con altre problematiche possibili sul web, come per le investigazioni aziendali, resta la soluzione migliore.

QUALCHE CONSIGLIO  – Ci sono però anche alcuni accorgimenti di carattere quotidiano che possono essere messi a punto direttamente da chi gestisce lo spazio web e che abbattono notevolmente i rischi. Soprattutto di fronte ad attacchi non diretti in maniera specifica contro un’azienda, ma con il cosiddetto metodo della pesca a strascico: vale a dire, attacchi rivolti a decine di siti.

I consigli riguardano principalmente la gestione e manutenzione del proprio CMS, che di solito offre delle soluzioni integrate per la sicurezza. L’aggiornamento costante deve essere la norma quotidiana, iniziando dai vari plugin e di tutti i componenti aggiuntivi, da dove passano la gran parte degli attacchi. Un’altra dritta riguarda poi la necessità di utilizzare solo le componenti che davvero servono, eliminando tutto il superfluo. Per resistere a un attacco ddos è importante aumentare la disponibilità di risorse, cambiando la configurazione della cache disponibile. Un’altra cosa fondamentale è implementare il protocollo HTTPS, perché un utente che ci tiene alla sua privacy vuole essere sicuro che la comunicazione con il sito web sia criptata. Infine, bisogna avere cura del proprio spazio FTP, ossia il luogo fisico in cui sono presenti i file del sito aziendale utilizzando un firewall ed eseguendo scansioni regolari.

Pochi consigli e buone pratiche che possono fare la differenza tra un sito internet funzionale e produttivo e una pagina bianca.

Texas Hold’em online: regole base del gioco per principianti

Prima di pensare a guadagnare e vincere tanto nei giochi casinò online ci si dovrebbe chiedere se si conoscono bene le regole di base del poker.

Qualcuno porta con sé errori e li trascina durante tutte le fasi di gioco nel corso del tempo così come, di contro, ci sono persone che vorrebbero iniziare ma non hanno le fondamenta su cui basare le loro puntate. Ebbene, per entrambe le categorie di giocatori menzionate, ecco di seguito descritte e minuziosamente esaminate le principali regole di base del gioco Texas Hold’em il gioco di poker tra i più amati da uomini e donne di tutte le età su casino.netbet.it. Leggi tutto “Texas Hold’em online: regole base del gioco per principianti”

Coaching: dall’indifferenza al successo

Quando qualche anno fa si è sentito parlare di Coaching, l’indifferenza a proposito era tanta. Ed erano tanti dubbi a proposito di questa professione.

Serviva davvero? Ci sarebbero stati i clienti interessati a farsi guidare da un coach professionista? E cosa un coach avrebbe potuto dare a un proprio alunno?

A differenza di qualche anno la visione di questo mestiere è cambiata del tutto.

Sebbene sia ancora poco regolamentato dalle normative italiane in materia di lavoro e non riconosciuto come una vera e propria professione, i guadagni, il lavoro stesso, la possibilità di crescita e di evoluzione insieme ai propri clienti hanno fatto diventare il coaching uno dei più popolari in Italia.

Tanto popolare che secondo alcune stime già tra qualche anno sarà un lavoro vero e proprio, regolamento da leggi opportune e non più delle occupazioni temporali affidate a dei contratti a progetto.

I corsi di coaching (quelli per diventare dei coach) danno modo a tutti gli interessati a diventare dei coach, ma non è per niente semplice e bisogna possedere non poche doti (il carisma, una fra le altre) per diventare dei coach professionisti. Leggi tutto “Coaching: dall’indifferenza al successo”

Ringhiere in vetro: una scelta … in sicurezza

ringhiere in vetro

Le ringhiere in vetro rappresentano una soluzione di arredo particolarmente apprezzata e di sempre maggiore utilizzo. Il vetro è un materiale fortemente impiegato non solo per la creazione di strutture architettoniche ma anche nel design d’interni. Ai giorni d’oggi, esso è destinato alla realizzazione di pareti vetrate, pezzi di arredamento e mobili.

A ben vedere, l’utilizzo del vetro si sta facendo sempre più frequente nella finitura di strutture quali ringhiere e parapetti di scale.

Vantaggi correlati alla scelta delle ringhiere in vetro

Alla duttilità di questo materiale si va ad aggiunge anche il vantaggio di una particolare facilità di manutenzione, la stessa che rende le ringhiere in vetro gradite a chi non ama interventi ricorrenti.

E’ infatti necessario ben poco per assolvere ad una perfetta pulizia del vetro preservandolo al tempo stesso dall’aggressione degli agenti atmosferici.

Ma il maggiore e più concreto vantaggio delle ringhiere in vetro è senza dubbio alcuno la sicurezza, per la quale questi parapetti possono essere divisi in tre categorie:

  • In un primo gruppo la sicurezza è affidata solamente alla lastra di vetro e al suo supporto. Questa particolare soluzione è indicata maggiormente per gli interni.
  • In un secondo gruppo rientrano generalmente le ringhiere in vetro dotate di corrimano che hanno la funzione di collegare le varie lastre offrendo così un supporto in caso di rottura delle stesse. A questa seconda soluzione si opta generalmente per gli ambienti esterni.
  • In una ulteriore, terza categoria rientrano i parapetti fissati sui vari lati dotati di una struttura portante alla quale è ancorata la lastra e un corrimano. Questa è sicuramente la ringhiera in vetro più sicura ed utilizzata quindi in prevalenza, anche in questo caso, per gli ambienti esterni.

Sicurezza delle ringhiere in vetro: è la stessa legge che lo conferma

Anche se molto spesso siamo soliti associare, almeno mentalmente, al vetro una idea di fragilità, la sicurezza delle ringhiere in vetro è confermata anche dalle stesse normative in materia di sicurezza di queste strutture.

I requisiti di una protezione anti caduta sono definiti dai regolamenti locali e dalle normative vigenti. Parapetti e ringhiere devono essere collocati e sistemati in modo da sopportare il carico in funzione della destinazione d’uso. La struttura principale portante di una protezione anti caduta in seno alle ringhiere in vetro è rappresentata da elementi colonna oppure colonna-piantone regolarmente ancorati alla struttura stessa dell’edificio.

L’abbinamento con una struttura in ferro, poi, rende inoltre tale questa ringhiera decisamente resistente agli agenti atmosferici.

Anche l’utilizzo combinato di pellicole in PVB rende la ringhiera in vetro particolarmente resistente senza correre nessun rischio di una eventuale frammentazione.

Il mercato propone tanti tipi di questo materiale con caratteristiche particolarmente diverse che variano sensibilmente in base all’utilizzo ed al luogo in cui necessitano di essere collocati.

Alcuni vetri presentano caratteristiche quali il controllo solare o controllo acustico, altri, di ultima generazione, sono autopulenti e decorati.

Tutti comunque sono a prova d’urto e destinati ad essere utilizzati, senza particolari problemi, anche in contesti quali uffici pubblici, scuole ed ospedali.

Rimborso Iva, Un “alluvione” di burocrazia

rimborso iva

Abbiamo già registrato negli scorsi mesi le proteste degli alluvionati – sia privati che imprenditori – per l’enorme massa di decreti, delibere, interpretazioni, richieste di certificazioni e altro ancora emanati per regolare gli interventi a favore delle zone colpite dagli eventi disastrosi del novembre ’94. «Una seconda alluvione, dopo l’acqua e il fango, la carta, non meno dannosa», era stato il commento generale. Leggi tutto “Rimborso Iva, Un “alluvione” di burocrazia”

3 novità che hanno completamente stravolto l’asset dell’implantologia dentale

Fino a non molto tempo fa gli impianti dentali non erano alla portata di tutti.

Per alcuni si trattava di qualcosa di fantascientifico. Addirittura la perdita dei denti significava per molti pazienti doversi rassegnare ad una protesi mobile totale o parziale.

Qualora fossero disponibili due denti sani adiacenti alla lacuna, nella migliore delle ipotesi, ci si limitava a realizzare un ponte.

Le protesi mobili recavano con sé gravi limiti e rappresentavano, sicuramente, un serio problema per la masticazione. Questi impianti dentali, ben lontani dai moderni prodotti in campo medico, presentavano carenze anche dal punto di vista estetico, tanto che bisognava anche tenere conto dell’aspetto psicologico per i portatori delle protesi. Leggi tutto “3 novità che hanno completamente stravolto l’asset dell’implantologia dentale”